Corsi d’acqua

Il torrente Orba

Una delle principali attrattive di Olbicella è il torrente Orba, che la lambisce in più punti e costituisce fattore determinante per la genesi stessa, assai antica, dell’insediamento umano.

L’Orba nasce a 1001 m di altitudine nell’Appennino Ligure, attraversa Vara Inferiore (SV), giunge ad Acquabuona frazione di Tiglieto (GE), quindi giunge ad Olbicella dopo una serie di scenografiche gole, ben visibili dalla Strade Provinciali 76 (GE) e 207 (AL).

DSC03486 (Copia)

Dopo aver ricevuto da sinistra il torrente Olbicella, l’Orba scorre ampia per poi restringersi e giungere al lago di Ortiglieto; quindi, dopo altre gole spettacolari, a Molare (AL).

Attraversate Ovada e Predosa (AL), dopo 68,4 Km di percorso, sfocia nel fiume Bormida, presso Alessandria.

L’Orba è stata per generazioni fonte di approvvigionamento idrico e di ristoro. Le sue acque limpide, gelide d’inverno, durante i mesi estivi di luglio e agosto diventano piacevolmente fruibili, concedendo bagni rinfrescanti ai molti che gradiscono il contesto selvaggio e quieto.

IMG_0550 (Medium)

Attorno ad Olbicella, l’Orba riceve diversi piccoli affluenti: rii e torrentelli, che soprattutto alla fine della stagione estiva si animano e regalano all’osservatore attento scorci di natura incontaminata.

SDC12057

Cascatelle, stagni, laghetti e piccole rapide, in cui trovano ambiente ospitale molte specie animali e vegetali.

Non molti anni fa, in questi laghetti si potevano osservare ad esempio i gamberi di fiume (Austropotamobius pallipes italicus), ora sempre più rari (specie in via di estinzione) e perciò difficili da trovare per il loro efficace mimetismo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>